Per il secondo anno di fila, la Reggia di Caserta apre il lunedì in Albis, sebbene tra misure di sicurezza rafforzate e un numero di custodi adeguato a quelle che potrebbero essere le presenze preventivate di visitatori.
Previsti controlli antiterrorismo, anche alla luce della recente inchiesta che ha portato all’arresto nel Casertano di tre fiancheggiatori del terrorista che colpì a Berlino; la piazza Carlo III è comunque da tempo sigillata con blocchi di cemento posti agli ingressi.
Saranno almeno un’ottantina i custodi presenti per tutta la giornata del 2 aprile, circa quaranta per turno; per l’occasione molti dipendenti hanno dovuto rinunciare alle ferie per far fronte all’afflusso. Nel giorno di Pasqua inoltre gli ingressi negli Appartamenti saranno contingentati, con la distribuzione di 4mila ingressi al mattino e altrettanti nel pomeriggio; si vogliono evitare le resse di altre prime domeniche del mese, quando i sindacati dei dipendenti della Reggia lamentarono danni in alcune stanze.

It's only fair to share...Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin