Igor il russo, il killer di Budrio che per mesi è stato oggetto di una gigantesca caccia all’uomo nel Ferrarese, secondo fonti di NewsMediaset è stato arrestato in Spagna, nei pressi di Saragozza, dove si era rifugiato durante la sua lunga fuga. L’arresto, riferiscono i carabinieri di Bologna, è avvenuto durante una sparatoria nella quale sono morti due militari e un civile.
Già il 5 dicembre, Igor avrebbe fatto irruzione in un’azienda agricola spagnola ferendo due persone e scappando prima dell’arrivo della polizia. Questa notte intorno alle 5.30, il latitante è stato fermato nella zona di El Ventorrillo, compresa tra le città di Terruel in Andorra e Albalete del Arzobispo, a sud di Saragozza. L’arresto è avvenuto al termine di una sparatoria nella quale sono morti due uomini della Guardia Civil e un civile.
Il serbo Norbert Feher, alias Igor Vlacavic, era ricercato in Italia e all’estero per gli omicidi del barista Davide Fabbri di Budrio (Bologna) e della guardia ecologica volontaria Valerio Verri di Portomaggiore (Ferrara) e sospettato anche dell’uccisione del metronotte Salvatore Chianese. La Guardia Civil ha chiesto alla polizia italiana conferme sui dati dattiloscopici del fermato.
La procura della Repubblica di Bologna, coordinando i carabinieri del Ros e del comando provinciale di Bologna e Ferrara, aveva da tempo un’attività di indagine con rogatorie in Spagna, avendo trovato riscontri sulla presenza del ricercato, di origine serba. Altre indagini sono state fatte proprio in Serbia, in Austria e Francia, con trasferte degli investigatori, di concerto anche con le autorità di polizia spagnole.

It's only fair to share...Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin